BUTTA.MI – La logistica della raccolta dei rifiuti a Milano

Milano è uno dei comuni con la quota di raccolta differenziata più alta d’Italia, i rifiuti domestici sono al 66% differenziati. Per arrivare a questo risultato Milano ha dovuto imparare un’amara lezione negli anni ’90 quando ebbe una crisi di rifiuti. Da allora si è capito che per poter gestire la mole di rifiuti generati da una metropoli la differenziata era di dovere. Oggi si lavora per perfezionarla sempre più, non limitandosi solo alla residenziale ma anche ai mercati coperti dove l’introduzione di un nuovo sistema di raccolta dei rifiuti ha portato ad una drastica riduzione dei rifiuti indifferenziati dal 96% al solo 33%.

Genova di luci ladre

Genova di luci ladre è il resoconto di una scoperta.
L’itinerario proposto racconta la città del confine e della sua interiorizzazione: nel suo essere porto, luogo di incontro e scontro, impossibilitato a chiudersi. Città liquida, condannata ad aver dentro il rapporto ed il conflitto, la gelosa custodia della propria autonomia e insieme la facilità del contrasto.

Upgrade Milano. Memorie di una città che cambia

Uno spaccato poco noto sulla vita di Milano: industrie, piccole chiese o vecchi teatri non sono spesso la prima attrazione per i turisti visitano, anche se in alcuni casi costituiscono gemme preziose per comprendere la vera vita della città, colta in parte nella visita alle tappe più rinomate.

Migranti per un giorno. Itinerario oltre la frontiera

Il reportage in nove tappe restituisce l’esperienza attraverso il sentiero, “Passo della morte” che i migranti percorrono per arrivare clandestinamente in Francia. Si parte da Ventimiglia, si arriva a Mentone è un ping-pong fatto di tantissimi percorsi di andata e ritorno. Ci sono ragazzi che ci provano all’infinito, persone che sono riuscite a passare solo dopo la ventesima o la trentesima volta e chi ancora ci sta provando, vanno avanti e indietro finché non riescono ad arrivare. All’interno di questo meccanismo ci possono essere ingiustizie, casualità, ma è una situazione che va affrontata con grande umanità; è un discorso di civiltà.

2012-2018. A 6 anni dal sisma dell’Emilia

Niente è come prima. La Bassa emiliana non è la stessa del 2012: lo vediamo da come sta andando avanti la ricostruzione e soprattutto ce lo raccontano le voci di alcuni testimoni locali impegnati, a diverso titolo, nella gestione dell’emergenza e del post-terremoto. Il territorio cambia in forme inedite. E le emergenze legate ai disastri naturali accelerano i cambiamenti già in atto. L’emergenza allora può diventare l’occasione per pensare al futuro in modo nuovo? Forse sì.

BUTTA.MI – La logistica della raccolta dei rifiuti a Milano

Milano è uno dei comuni con la quota di raccolta differenziata più alta d’Italia, i rifiuti domestici sono al 66% differenziati. Per arrivare a questo risultato Milano ha dovuto imparare un’amara lezione negli anni ’90 quando ebbe una crisi di rifiuti. Da allora si è capito che per poter gestire la mole di rifiuti generati da una metropoli la differenziata era di dovere. Oggi si lavora per perfezionarla sempre più, non limitandosi solo alla residenziale ma anche ai mercati coperti dove l’introduzione di un nuovo sistema di raccolta dei rifiuti ha portato ad una drastica riduzione dei rifiuti indifferenziati dal 96% al solo 33%.

Genova di luci ladre

Genova di luci ladre è il resoconto di una scoperta.
L’itinerario proposto racconta la città del confine e della sua interiorizzazione: nel suo essere porto, luogo di incontro e scontro, impossibilitato a chiudersi. Città liquida, condannata ad aver dentro il rapporto ed il conflitto, la gelosa custodia della propria autonomia e insieme la facilità del contrasto.

Upgrade Milano. Memorie di una città che cambia

Uno spaccato poco noto sulla vita di Milano: industrie, piccole chiese o vecchi teatri non sono spesso la prima attrazione per i turisti visitano, anche se in alcuni casi costituiscono gemme preziose per comprendere la vera vita della città, colta in parte nella visita alle tappe più rinomate.

Migranti per un giorno. Itinerario oltre la frontiera

Il reportage in nove tappe restituisce l’esperienza attraverso il sentiero, “Passo della morte” che i migranti percorrono per arrivare clandestinamente in Francia. Si parte da Ventimiglia, si arriva a Mentone è un ping-pong fatto di tantissimi percorsi di andata e ritorno. Ci sono ragazzi che ci provano all’infinito, persone che sono riuscite a passare solo dopo la ventesima o la trentesima volta e chi ancora ci sta provando, vanno avanti e indietro finché non riescono ad arrivare. All’interno di questo meccanismo ci possono essere ingiustizie, casualità, ma è una situazione che va affrontata con grande umanità; è un discorso di civiltà.

2012-2018. A 6 anni dal sisma dell’Emilia

Niente è come prima. La Bassa emiliana non è la stessa del 2012: lo vediamo da come sta andando avanti la ricostruzione e soprattutto ce lo raccontano le voci di alcuni testimoni locali impegnati, a diverso titolo, nella gestione dell’emergenza e del post-terremoto. Il territorio cambia in forme inedite. E le emergenze legate ai disastri naturali accelerano i cambiamenti già in atto. L’emergenza allora può diventare l’occasione per pensare al futuro in modo nuovo? Forse sì.