ELENAGRANATA

PLACEMAKER

Gli inventori dei luoghi che abiteremo

ELENAGRANATA

PLACEMAKER

Gli inventori dei luoghi che abiteremo

P come Placemaker.Dal politico-pedagogista,all'imprenditore-artista,dall'informatico-ambientalista,all'architetto-giardiniere:gli innovatori dirompenti per pensare la nuova città.

Artisti che si improvvisano scienziati per risolvere problemi di mobilità di una grande città. Architetti che individuano soluzioni innovative osservando piante e animali. Designer che lavorano sui comportamenti e la psicologia delle persone. Ciascuno di loro è capace di incursioni al di fuori del proprio campo, senza perdere di vista l’obiettivo iniziale.

Un pugno di innovatori urbani sta operando nelle città, ripensando la relazione tra città e natura, tra spazi pieni e vuoti, sui servizi, le reti, la mobilità.

Sono professionisti ibridi, capaci di conciliare bisogni con immaginazione, creatività quotidiana con la salute del corpo sociale che vive la città. Sono mossi da una curiosità libera e creativa e per questo trovano le soluzioni piú adatte. Osano pensare di poter fare qualcosa che non è mai stato fatto prima e soprattutto lo fanno.

Hai un progetto da raccontare?Un'esperienza da segnalare?

IN PROGRESS

PlacemakerGli inventori dei luoghi che abiteremo

Elena GranataPassaggi EinaudiTorino, 2021


Saperi e competenze di chi inventa i nuovi luoghi che abiteremo. Le riflessioni di Aldo Bonomi sul Sole24ore

"Placemaker" sembra un libro di architettura ma è molto di più, di sociologia urbana e territoriale almeno per me.

Leggere di più


“Per ripartire dopo la pandemia servono gli inventori dei luoghi”. Intervista a Elena Granata

Come possiamo intervenire sul cambiamento climatico in atto, alleggerendone le conseguenze? Elena Granata, architetto e urbanista del Politecnico di Milano, porta alla ribalta una nuova figura (e una nuova professione): i Placemaker, o gli inventori dei luoghi che abiteremo, come si legge nel suo ultimo libro uscito per Einaudi

Leggere di più


È il tempo dei “placemakers”? Racconti di inventori dei luoghi che abiteremo

Il placemaker non costruisce, ma connette, re-inventa, rigenera -spiega Granata-. Non deve aggiungere, semmai deve togliere. Il suo compito è quello di ridare senso a quei luoghi che lo hanno perso: dalle periferie cittadine alle aree dell’hinterland dove i campi sono stati abbandonati perché coltivarli non conviene più.

Leggere di più


L’archistar si sta estinguendo. Inizia l’era del placemaker.

Basta con palazzi e grattacieli fuori contesto. I luoghi ora vanno "rifatti" rispettandone storia e impiego

Leggere di più


Il lato folle dell’architettura

Che molti architetti siano folli alle volte l'ho creduto, guardando alcune loro opere. Pensavo fosse un limite mio, che non sono capace di guardare certe costruzioni per il verso giusto ma ora, dopo aver letto l'ultimo libro di Elena Granata, mi sono fatto l'idea che ci sia davvero bisogno di molta follia, nell'architettura e nell'urbanistica.

Leggere di più


Placemaker: i nuovi designer delle città raccontati su Domani da Elena Granata

I placemaker raccontati da Elena Granata sono i nuovi designer della città del futuro, sostenibili per costituzione. Hanno culture e ruoli ibridi, nessun pregiudizio, superano l’ortodossia delle singole discipline, incrociano saperi, metodi e linguaggi.

Leggere di più



_ Percorsi di formazione e master

U-Rise, Master in Rigenerazione Urbana e Innovazione Sociale - urise.it